Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Privacy policy

Trascrizione atti di stato civile dall'estero

Introduzione

Il cittadino italiano che si trova anche temporaneamente all’estero deve comunicare all’Autorità consolare italiana competente per territorio gli eventi di stato civile (nascita, matrimonio, divorzio, morte) che lo riguardano avvenuti all’estero, trasmettendo copia dei relativi atti.
L’Autorità consolare provvede alla trasmissione di detti atti al Comune italiano competente per la trascrizione nei registri di Stato Civile.
Il privato cittadino, che sia in possesso di un atto di stato civile formato all’estero e ne abbia interesse, può chiederne la trascrizione presentando istanza all’Ufficiale dello Stato Civile competente.
 

Leggi di più

A chi si rivolge

Ai fini della trascrizione nei registri di Stato Civile, l’Autorità consolare italiana all’estero trasmette direttamente all’Ufficiale dello Stato Civile competente gli atti da trascrivere.
L’interessato che desideri ottenere la trascrizione potrà rivolgersi all’Ufficiale dello Stato Civile.
 

Leggi di più

Come fare

É necessario recarsi presso il competente Ufficio di Stato Civile durante gli orari di apertura al pubblico.
L’Ufficio riceve la richiesta e valuta la documentazione trasmessa o consegnata. L’istruttoria spesso richiede diversi contatti con la competente Autorità consolare italiana all’estero o con l’interessato, che influiscono sui tempi di trascrizione.
L’Ufficiale dello Stato Civile, solamente se l’atto risulta idoneo, procede alla trascrizione. Conseguentemente l’Ufficiale dello Stato Civile rilascia i relativi estratti/certificati e provvede alle connesse comunicazioni ai sensi della normativa vigente.
 

Leggi di più

Cosa serve

Nel solo caso di richiesta diretta da parte dell’interessato occorre presentare:
•    un documento di identità in corso di validità;
•    l’atto da trascrivere completo dei requisiti necessari e, quando previsto, debitamente legalizzato e tradotto.
Le richieste provenienti dall’Autorità consolare italiana all’estero non hanno nessun costo.
Sull’istanza dell’interessato va apposta una marca da bollo da € 16,00.

Leggi di più

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

11/24/20, 9:51 AM