Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Privacy policy

Cambiamento o aggiunta di cognome e nome

Introduzione

Il Decreto del Presidente della Repubblica 03.11.2000 n. 396 consente ad un cittadino di:

  • cambiare il cognome o aggiungerne un altro al proprio;
  • modificare il proprio nome o cognome perché ridicolo o vergognoso;
  • modificare il proprio nome da parte di chi da sempre è identificato con un nome non corrispondente a quello degli atti di stato civile;
  • indicare esattamente il proprio nome in conformità alla volontà o all’uso che del nome è stato fatto da parte del soggetto interessato.

I decreti che autorizzano il cambiamento del nome o del cognome devono essere annotati sull'atto di nascita e su tutti gli altri atti conseguenti alla nascita e negli atti di nascita di coloro che ne hanno derivato il cognome.

Leggi di più

A chi si rivolge

Può chiedere la trascrizione l’interessato in possesso del decreto.

Leggi di più

Come fare

E’ necessario recarsi allo sportello dell’Ufficio Servizi Demografici portando con sé l’originale del decreto. I successivi adempimenti verranno poi effettuati presso gli Uffici di Stato Civile.

Leggi di più

Cosa serve

In base al D.P.R. 396/2000 oggi cambiare il nome o il cognome è diventato più semplice.

Cambiamento nome

Chi vuole cambiare il proprio nome o aggiungere al proprio un altro nome deve presentare domanda alla Prefettura del luogo di residenza o quello di nascita.

Nella domanda va indicata la modifica che si intende apportare e le motivazioni per cui si fa la richiesta.

Il Prefetto assunte informazioni sulla domanda, se la ritiene meritevole di accoglimento, con proprio decreto autorizza il richiedente a far pubblicare all'Albo Pretorio online del Comune di nascita ed a quello di residenza il sunto. Per la richiesta di pubblicazione all'Albo Pretorio è necessario recarsi presso l’Ufficio Servizi Demografici con lettera di accompagnamento e sunto.

Trascorsi 30 giorni, senza che siano state fatte opposizioni, il richiedente potrà ottenere il decreto autorizzativo.

Cambiamento del cognome

La richiesta di cambio o aggiunta del cognome con la relativa motivazione deve essere inviata al Prefetto della Provincia del luogo di residenza o di quello della circoscrizione in cui si trova l'ufficio di stato civile che possiede l'atto di nascita del richiedente.

Il Prefetto, se ritiene validi i motivi del cambiamento, emette un primo Decreto che il richiedente deve depositare presso i Comuni di nascita e residenza affinché provvedano all'affissione per 30 giorni consecutivi.

Trascorsi i 30 giorni, se non sono state presentate opposizioni, il Prefetto emette decreto definitivo: i Comuni di nascita e residenza devono quindi modificare il cognome del richiedente nei registri di nascita e rettificare i relativi atti di stato civile e di anagrafe.

Leggi di più

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

11/24/20, 9:51 AM