Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Privacy policy

Imposta Unica Comunale - IUC

Introduzione

L’imposta unica comunale (IUC) è stata abolita, ad eccezione della componente Tari, a far data dal 1 gennaio 2020, ai sensi dell’art. 1, comma 738 della Legge n. 160 del 27 dicembre 2019 “Bilancio di Previsione dello Stato per l’anno finanziario 2020 e bilancio pluriennale per il triennio 2020-20222” (G.U. 30 dicembre 2019, n. 304 – S.O. n. 45/L)
La IUC si componeva:
1. dell’imposta municipale propria (IMU) di natura patrimoniale dovuta dal possessore di immobili (a esclusione delle abitazioni principali non di pregio e delle e di tutte le altre fattispecie equiparabili dal legislatore);
2. del tributo sui servizi indivisibili (TASI) finalizzato a finanziare i costi per i servizi che il Comune eroga a favore della collettività quali l’illuminazione pubblica, la vigilanza e la sicurezza, il verde pubblico;
3. della tassa sui rifiuti (TARI) destinata a finanziare il costo per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Resta salva la possibilità del contribuente di procedere alla richiesta di rimborso delle somme versate e non dovute entro il quinto anno dalla data del versamento.
Rimane immutato il potere di accertamento della P.A. 
È facoltà del contribuente provvedere a sanare la posizione irregolare tramite ravvedimento che potrà essere proposto solo nel caso in cui la P.A. non abbia già provveduto ad emettere accertamento esecutivo.

Leggi di più

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

11/24/20, 9:51 AM